fbpx

ANTIFURTO DIFETTOSO: SE NON FUNZIONA CHE FARE, COME RISOLVERE

Al momento dell’installazione, ti è stato spiegato come funziona l’antifurto ma, quando doveva fare il suo dovere, non ha funzionato: probabilmente, si tratta di un antifurto difettoso.

Cosa fare? Di chi è la responsabilità? Come comportarsi, in questo caso?

Per legge (in particolare, sulla base del Codice del Consumo), l’acquirente può esercitare il diritto di ripensamento entro 14 giorni dalla data di stipula del contratto (nel caso acquistasse beni).

I 14 giorni decorrono dalla data di consegna (non di stipula del contratto) solo nei seguenti casi:

  • Il venditore non ha fornito all’acquirente l’informativa su come si esercita il diritto di recesso o l’ha data in modo errato, incompleto;
  • L’acquisto è avvenuto non in presenza del venditore (titolare) o professionista (un suo intermediario);
  • È stato mostrato o presentato un prodotto diverso da quello riferito nel contratto.

Cosa succede, però, nel caso particolare in cui l’antifurto risulta difettoso o non conforme alla descrizione fatta dal venditore? Considerando il fatto che i 14 giorni sono trascorsi senza che si presentassero le tre eventualità suddette? Un modo per far valere i propri diritti di consumatore c’è, ecco quale.

 

Tre possibilità per risolvere il problema

L’informativa che ti è stata fornita è completa, hai acquistato in presenza del titolare o di un suo intermediario, l’antifurto è proprio quello relativo al contratto stipulato. Il problema, però, è che non funziona come ti è stato spiegato. Il termine dei 14 giorni dalla stipula del contratto (e non dalla consegna) per il diritto di ripensamento è scaduto. Che fare?

Se hai acquistato un antifurto difettoso, che si dimostra tale o non conforme alla descrizione fatta dal venditore, il Codice del Consumo suggerisce tre chance per risolvere il problema:

  • Innanzitutto, chiedere al venditore di sostituire o riparare l’impianto (senza spese a tuo carico);
  • Chiedere al venditore la risoluzione del contratto con effetto di riconsegna dell’antifurto e rimborso del pagamento effettuato;
  • Pretendere una giusta riduzione del prezzo.

Quest’ultima chance (la riduzione del prezzo) è possibile nei casi in cui eventuali riparazioni o sostituzioni risultino impossibili, eccessivamente costose per il venditore oppure se non siano state eseguite entro un termine ragionevole o non abbiano risolto il problema.

In riferimento a queste tre possibilità, è previsto un termine di 2 anni a partire dalla consegna dell’antifurto.

 

Responsabilità in caso di furto

In presenza di un antifurto difettoso, che non funziona, è fondamentale accertare il nesso causale tra malfunzionamento dell’impianto ed un eventuale furto subito a causa del malfunzionamento.

Se un negozio viene svaligiato dai ladri perché l’antifurto non funziona, non suona e non avvisa dell’effrazione le forze dell’ordine, il proprietario del locale può avanzare la richiesta di risarcimento del danno nei confronti della ditta che gliel’ha installato?

In base alla sentenza n. 5644 del 10 aprile 2012, la Corte di Cassazione stabilisce che, considerando il fatto che l’antifurto deve funzionare da deterrente contro potenziali ladri ed è finalizzato ad evitare furti o almeno ad attenuarne le conseguenze per comune esperienza, il Giudice è tenuto ad evidenziare e spiegare le ragioni del ritenuto difetto del nesso causale fra malfunzionamento e furto avvenuto a seguito dell’antifurto difettoso.

La Cassazione, con questa pronuncia, ha condannato la ditta installatrice dell’antifurto difettoso ritenendo evidente l’incidenza del malfunzionamento dell’allarme sulla circostanza del furto.

La Corte ha stabilito che è necessario dar conto delle ‘ipotetiche’ ragioni per cui il suono della sirena non avrebbe potuto spiegare un effetto totalmente o parzialmente deterrente che escluda o attenui il danno subito. Secondo l’art. 115 c.p.c., senza bisogno di prova, il giudice può porre a fondamento della decisione le nozioni di fatto che rientrano nella “comune esperienza” che considera potenzialmente utile l’antifurto come deterrente alle azioni criminose contro la proprietà privata. Se così non fosse non vi sarebbe alcuna ragione per installarlo.

Per fissare un appuntamento contattami 800 96 70 78

Grazie, a presto.

Francesco Ciano

Francesco Ciamo CEO di Più Sicurezza

Più Sicurezza: La Protezione Totale Per il Tuo Mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu